Benvenuti nell'oroscopo di ALEGSA

click

La guarigione arriva a ondate, quindi continua a nuotare

Guarire è molto simile a ricordare, a ricordare chi sei veramente. È un processo per conoscere se stessi in un modo che non si è mai fatto prima.... , 2020-05-24







Chi ha detto che la guarigione non è lineare ha un ottimo argomento. A volte ci vuole un passo indietro per fare due passi avanti. Non c'è una formula che se la si segue e la si applica, si è sicuri di sentirsi bene. In realtà, non c'è una fenomenale frazione di secondo in cui si pensa di essere "completamente guariti", perché a un livello molto più profondo, la guarigione è più che riparare ciò che è rotto. La vita è tutta una questione di cicli. Ogni giorno viviamo la nascita, la morte e la rinascita in modi sottili ma diversi. Finché respiriamo e non resistiamo al cambiamento, stiamo guarendo. Abbiamo la capacità di cambiare, quindi abbiamo la capacità di essere migliori. Ogni giorno acquisiamo e sperimentiamo cose nuove, quindi è essenziale rinunciare a tutto e guarire ogni giorno.

Guarire è molto simile a ricordare, a ricordare chi sei veramente. È un processo di conoscenza di se stessi in un modo che non si è mai fatto prima. Non hai bisogno di sentirti e apparire perfetto, perché non lo sei. La guarigione è arrendersi all'ignoto. Nessuno sa come si svolgerà. La guarigione è incerta, imprevedibile e scomoda. Ma è anche una scelta, la tua volontà personale di continuare a farlo e di mantenerlo anche quando è ancora disordinato e difficile.

La guarigione è diversa per ogni persona. A volte ci sono urla di cui solo tu devi essere testimone. Ci sono delusioni che solo voi dovete sperimentare e conoscere. Ci sono notti da passare da soli. Ci sono momenti in cui si ha bisogno di stare da soli. Spesso, in quei momenti, ci si sente deboli. Potreste sentire che tutto il vostro mondo è caduto a pezzi, e potreste persino sentire il bisogno di chiedere aiuto. Ma la verità è che, in questi momenti, si impara a difendersi. Imparerete a scegliere da soli. I momenti di debolezza sono momenti di forza sotto mentite spoglie quando si fa quella scelta di andare avanti. In silenzio, si ascoltano le risposte. Senti le risposte quando passi del tempo da solo, quando ti sintonizzi su te stesso e presti attenzione a ciò che ti dice il cuore. Tutto il resto è solo una distrazione.

Guarire non è dimenticare. Non è schivare o evitare, o sopprimere. In realtà, è ricordare. A volte può significare sentirlo più e più volte fino a quando la ferita è così aperta che finalmente ci si sente bene ad arrendersi al dolore. È darsi un'altra possibilità dopo innumerevoli volte di accettare le cose così come sono, anche se non le si approva. Anche se lo disprezzi. Anche se pensi che sia ingiusto.

A volte la guarigione è come tuffarsi in un oceano. È così profondo che si è incoraggiati a trovare e a nuotare a grandi profondità all'interno del proprio dolore. L'unica via d'uscita è scavare più a fondo e tuffarsi prima nell'oceano del dolore. E poi, lentamente e con attenzione, trovare la strada verso la superficie. Improvvisamente sei quella persona con profondità, finalmente sei in grado di respirare e ti rendi conto che non c'è nulla che non puoi superare.

Quando iniziate ad ansimare per l'aria e a prendere di nuovo il primo respiro, vi rendete conto che ciò per cui state lottando è la vostra vita, la vita in voi. Deve valerne la pena. Ne vale la pena. Eccoti qui, che respiri. E non sei mai stato così vivo.

"Semplificare le cose" sono le due parole migliori insieme. Ci facciamo più male quando resistiamo a ciò che accade nel presente e neghiamo ciò che la vita cerca di insegnarci. Quando siamo consapevoli del perché stiamo soffrendo, possiamo cominciare a capire e darci l'opportunità di accettare e aprire i nostri cuori al perché le cose stanno accadendo così come sono. Questa vita è veramente un dono, e noi abbiamo la scelta di onorare questo dono vivendo in modo autentico e dando il meglio di noi stessi, perché la guarigione non è un destino. È il nostro viaggio personale.









Io sono Alegsa

Scrivo articoli per oroscopi e auto-aiuto in modo professionale da oltre 20 anni.



Tag correlati